Cosa metto nella borsa del mare #nellaborsadelmare

Le ultime settimane sono state di fuoco (e non mi riferisco solo alle temperature), tra partenze e lavoro non mi sono fermata un attimo, ma ora finalmente è arrivato il momento di rilassarmi e decidere cosa mettere nella bora del mare.

Dopo due settimane torno finalmente a scrivere e dopo il post sull’uso del dirndl,  che ho indossato per il matrimonio insolito in Alto Adige, vi parlo di mare, cogliendo al volo l’hashtag #nellaborsadelmare lanciato da Silvia Ceriegi su trippando.it.

Perciò, se avete voglia di curiosare un po’ nella mia borsa, eccola qui:

ph Tania de Cesare
ph Tania de Cesare
  1. la borsa, mi piace che sia capiente e colorata. Quest’anno ne ho scelta una di 4all, in paglia con una pratica tracolla in cuoio;
  2. una bottiglietta, lavabile e riciclabile di Tupperware, contenente acqua fresca. Idratarsi al mare è importante, ma non dimentichiamoci di stare attenti all’ambiente;
  3. un pareo, per me non può mai mancare (non solo nella borsa del mare) e deve essere sempre 100% cotone. Il pareo è una delle cose più utili al mondo! Può essere utilizzato come telo mare, come pratico copri costume, come cuscino, per ripararsi in caso di vento fresco, come lenzuolo e persino per proteggere i sedili dell’auto quando sono roventi o non vogliamo riempirli di sale. Insomma, assolutamente indispensabile. Quello in foto è di Palme, ma non torno mai da un viaggio senza uno nuovo;
  4. beh, ovviamente il costume. Anche se, lo confesso, io al mare ci andrei senza. E’ per quello che adoro i posti selvaggi come la Croazia, perché amo la libertà e il contatto con la natura. Tuttavia, normalmente lo indosso e preferisco quelli colorati e super ridotti. Per il terzo anno consecutivo ho scelto Wikini che oltre ad avere delle fantasie stupende, è componibile con fascia o tringolo per il pezzo di sopra e slip o brasiliano per il pezzo di sotto. Il prezzo non è esagerato (intorno ai 70,00 €) e la qualità dei tessuti assolutamente il top;
  5. chiamatele infradito, flip flop o come vi pare, per me c’è solo un nome: Havaians! Ne ho decine, di tutti i colori, un vero must dell’estate. Le ho usate ovunque, anche per camminare in foresta o sotto un abito elegante e mai ne farei a meno. La loro gomma naturale è l’unico materiale che non mi crea vesciche e che non mi fa sudare. Al ritorno dal Brasile, qualche anno fa, ne ho fatto una super scorta che mi durerà per i prossimi 15 anni, almeno;
  6. la protezione solare. Da anni, ormai, preferisco alle creme gli oli solari, con media o bassa protezione, a seconda delle fasi di abbronzatura. Li trovo più facili da stendere e più idratanti. Quest’anno ho scelto l’olio solare di Angstrom. Tra i miei preferiti quelli di Clarins e Polysianes. Per la protezione mi lascio consigliare comunque dalla mia farmacista di fiducia, della Farmacia Rubino Selvaggio;
  7. I bijoux. Durante la giornata in spiaggia mi piace stare libera e non indosso nulla oltre al costume, ma un bijou nella mia borsa del mare non può mai mancare. A fine giornata, un aperitivo o una cenetta al tramonto può sempre starci e allora, dopo una bella doccia, indosso un abito semplice, ma non non rinuncio a personalizzarlo con una bella collana, un bracciale e degli orecchini. Le collane di Nanà Creations sono chicchissime e adatte a tutte le occasioni, come gli stravaganti orecchini di Principessa Glam;
  8. il poncho in spugna, molto utilizzato dai surfisti è utile per asciugarsi e per cambiarsi il costume in spiaggia;
  9. Il materassimo pieghevole di Decathlon. Leggerissimo, poco ingombrante e veramente comodo per stendersi su scogli o sassi. Io lo metto sotto il telo mare e all’occorrenza lo uso anche per fare un po’ di yoga o stretching;
  10. Una lettura leggera. Questo mese in edicola non potevo perdere  Traveller con lo speciale I Tesori d’Italia;
  11. Una lycra. Non ne faccio mai a meno durante lo sport in acqua. Mi protegge dal sole, durante le ore più calde e da veno e acqua, verso sera. Quella in foto è di Ion, super tecnica e molto stilosa. Le mie preferite in assoluto sono quelle di Billa Bong. Con me ho anche sempre una muta e dei calzari di questa marca;
  12. Voi li chiamate occhiali da sole, io li chiamo semplicemente Oakley. Per me il top per proteggermi dal sole, al mare e per praticare sport. Oltre ad avere degli ottimi filtri solari, sono anche resistenti agli urti e all’acqua. Io li indosso sia quando prendo il sole che quando faccio il bagno e ovviamente durante l’attività sportiva;
  13. Altra cosa che non può mai mancare nella borsa del mare è certamente un bel telo. Questo in spugna e cotone è molto leggero da tenere in borsa.

Come avrete notato la mia borsa del mare è bella piena. A tutte le cose che vi ho mostrato potete aggiungere anche il mio inseparabile Sony Xperia Z1 compact che avendo la particolarità di essere waterproof è sempre con me anche in acqua. Senza di lui non potrei immortalare i momenti più belli ed essere sempre connessa.

ph Tania de Cesare
ph Tania de Cesare

Borsa, pareo, costume e bijoux, se vi piacciono potete trovarli in vendita da Nanà e richiederli anche online, attraverso la pagina Facebook. In questi giorni, poi, approfittate anche dei saldi.

Voi cosa mettete nella borsa del mare? Sono curiosissima di scoprirlo, vi va di raccontarlo? Se avete un blog scrivete un post, se non lo avete usate l’hashtag #nellaborsadelmare per postare le vostre foto e i vostri pensieri sui Social o qui sotto nei commenti.

 

 

Primark apre in Italia (ma io preferisco i negozietti)

Primark apre in italia! La notizia circola sul web ormai da giorni. Per chi non lo sapesse Primark è una catena di abbigliamento low cost, nata in Irlanda nel 1969 e diventata molto popolare in UK.

L’apertura del primo negozio, prevista per maggio 2016, avverrà ad Arese, in provincia di Milano, all’interno di quello che sarà il più grande centro commerciale d’Europa (l’Arese Shopping Center), che sta sorgendo nell’area dell’ex stabilimento dell’Alfa Romeo.

L’evento è attesissimo, in Italia. La catena, al momento, è già presente in altri Paesi europei come Francia, Germania, Belgio, Paesi Bassi, Spagna, Portogallo e Austria, oltre che negli USA ed in Irlanda.

Primark non è l’unico colosso che approderà in Italia, ma pare che sarà affiancato da un’altra novità assoluta: Starbucks, il coffee shop americano più famoso del mondo.

Insomma una bella novità che porta sicuramente tanto fermento, ma cosa ben più importante, diversi posti di lavoro… o almeno, così sembra.

Happy days, direbbero gli inglesi! C’è veramente da essere contenti?

Per ogni centro commerciale che si apre nel mondo, un piccolo negozietto di città chiude, le vie dello shopping finiscono per assomigliarsi sempre di più, la qualità dei prodotti è sempre più scadente e lo sfruttamento dei lavoratori nei paesi poveri aumenta.

Anyway, non voglio cadere in discorsi retorici e senza via d’uscita. Ogni medaglia ha il suo retro, c’è poco da fare!

Nanà a Molfetta
Nanà a Molfetta

Quello che so è che a me piacciono da matti i negozietti di città, quelli con le vetrine tutte colorate come Nanà, in cui puoi trovare di tutto e nulla è scontato; quelli chicchissimi che gli stranieri ci invidiano come Ijo design oppure quelli che al loro interno racchiudono un vero e proprio laboratorio artigianale come Marcella Renna. Vi ho parlato di questi negozietti qualche mese fa su trippando.it nell’ambito del tema #Insiders.

Marcella Renna nel suo laboratorio di ceramica a Bologna
Marcella Renna nel suo laboratorio di ceramica a Bologna

Ho la fortuna di abitare in centro, che per il traffico non è proprio il massimo della vita, ma quei pochi giorni dell’anno in cui “sono domiciliata” a casa mia (he he he), ho il grande vantaggio di poter fare tutte le mie spese sotto casa.

Dopo anni di città come Bologna, Roma, Milano e di grandi negozi, centri commerciali e ipermercati, ho riscoperto il piacere dei negozietti. Comprare le verdure fresche di stagione dal fruttivendolo di fiducia, le uova all’ultimo secondo nella salumeria sotto casa e passeggiare lungo il corso principale della città la sera, guardando le vetrine, sono piccoli piaceri della vita che stiamo perdendo.

Io con la mia fighissima shopping bag di Primark, in Irlanda
Io con la mia fighissima shopping bag di Primark, in Irlanda

Poi, lo ammetto anch’io in Irlanda ho comprato una borsa fighissima da Primark che ho pagato 2,00 € e che adoro, ma volete mettere con tutte le cose figherrime che si possono trovare in un negozietto, come le meravigliose creazioni di Nanà Creations?!

Una delle bellissime collane di Nanà Creations
Una delle bellissime collane di Nanà Creations

E voi come la pensate? Dove vi piace fare shopping?

Perché ho aperto un blog

Il numero dei blog che affollano la rete aumenta di giorno in giorno, ma perché sempre più utenti decidono di iniziare questa avventura? Ho deciso di raccontarvi la mia esperienza in questo post e spiegarvi le motivazioni che mi hanno spinta ad aprire un blog.

E’ poco più di anno che ho aperto il mio primo blog. Ho iniziato con Wanderlustmytravelblog su WordPress.com, poi, nel giro di pochissimo, l’ho trasferito su Zingarate che mi ha permesso di avere maggiore visibilità e assistenza. Dopo qualche mese ho avuto la fortuna di incontrare sul mio percorso Silvia Ceriegi che mi ha dato l’opportunità di scrivere per trippando.it.

taniadecesare.it (3)

Oggi che sono finalmente pronta per un blog tutto mio, che porta il mio nome, posso dirvi perché ho deciso di fare questo passo.

Le motivazioni più comuni che mi è capitato di sentire sono:

  • la passione per la scrittura
  • l’interesse per l’argomento in oggetto

Personalmente, oltre alle suddette, quella determinante è stata una terza:

  • essermi ritrovata improvvisamente a dover riorganizzare la mia vita

Il teatro per cui lavoravo è stato commissariato ed io ho avuto, diciamo così, un bel po’ di tempo libero (dopo anni di studio e sacrifici, nell’affannosa rincorsa di un obiettivo)  per dedicarmi a qualcosa di diverso, qualcosa che mi stuzzicava dai tempi della tesi di laurea (in comunicazioni di massa): il web.

E’ stato così che mi sono buttata nel “favoloso” mondo dei blog.

Per la verità, devo dirvi che l’idea è nata quando una mia amica, che fremeva per il resoconto delle mie avventure dopo ogni viaggio, mi ha detto: hai mai pensato di scrivere un libro sulle tue storie?

Io ho pensato di scrivere un blog… di viaggi… dei miei viaggi. 

Qual è il senso di un blog? Voglio dire, oggi se non hai un blog non sei nessuno. chiunque ne ha uno e non sarà certo il mio a fare la differenza. Io sono una briciola in un oceano. Perché qualcuno dovrebbe essere interessato a quello che scrivo?

E’ meglio scrivere di se stessi o fornire notizie utili a qualcuno?

La mia risposta è: non esiste una regola o una formula magica.

Ho iniziato  perché lo sentivo necessario ed urgente, quindi l’apertura del mio blog rispondeva ad un bisogno personale. Perciò tutto quello che ho scritto e scriverò è autentico, non ha lo scopo di compiacere il lettore o un eventuale committente. Io scrivo per il piacere di farlo, se poi voi avrete il piacere di leggere, io ne sarò felicissima.

E’ esattamente per questo che dopo l’esperienza di un blog impersonale come Wanderlust e di un “coblog” come Trippando, ho sentito di aprire un blog personale nel quale mi piacerebbe parlavi non solo dei miei viaggi, ma di tutte le cose che mi interessano e che fanno parte della mia vita.

Voi lo aprireste un blog? Se ne avete già uno, vi andrebbe di raccontarmi la vostra esperienza nei commenti o con un messaggio privato?

Buona lettura,

Tania

taniadecesare.it (2)